Univase Fote Enzymes

SKU104
Sold out
£85.90

I nostri enzimi

Abbiamo semplicemente il miglior enzima sul mercato, nessuno escluso. NESSUNO produce un enzima con la α-chimotripsina (un enzima proteolitico estremamente potente e di lunga durata) come noi. Confronta i nostri ingredienti con altre cosiddette formulazioni di enzimi "ad alta potenza" e enzimi di fabbricazione europea di grande nome, quindi confronta i prezzi. E ora abbiamo aggiunto Natto-Kinase per rendere questa formulazione semplicemente imbattibile.

Alta potenza

Le nostre formule di enzimi proteolitici ad alta potenza contengono una miscela di diversi enzimi e altri nutrienti sinergici per migliorare i benefici nutrizionali di questa potente miscela di enzimi. In passato questo prodotto sarebbe stato consegnato al meglio in forma di compresse. Poiché l'acido dello stomaco è altamente distruttivo per gli enzimi pancreatici e per la maggior parte degli enzimi di origine vegetale e poiché le capsule vengono rapidamente scomposte nello stomaco, l'uso di capsule vecchio stile con enzimi è una cattiva idea. Ma i progressi della tecnologia hanno cambiato questo. Ora le capsule di gelatina possono essere rivestite con efficacia enterica, proprio come le compresse.

Per la maggior parte dei nutrienti, passare attraverso lo stomaco non fa male e in alcuni casi è utile e persino necessario, ma non è buono per la maggior parte degli enzimi. Dal momento che in passato le capsule non potevano essere rivestite con enterico, qualsiasi formula enzimatica in forma di capsula aveva in precedenza un valore notevolmente ridotto. Fai attenzione al termine "rivestimento enterico".

Un rivestimento enterico è uno che viene posizionato su una compressa o capsula per proteggerne il contenuto. Tuttavia, a meno che non indichi "sensibile al pH" prima del rivestimento enterico, è possibile che si stia ottenendo un semplice rivestimento proteico o persino di gommalacca vegetale. I rivestimenti proteici funzionano in misura limitata ma possono essere digeriti dall'acido dello stomaco, esponendo così gli enzimi alla distruzione prematura. A volte, il rivestimento proteico sopravvive allo stomaco e, purtroppo, anche al duodeno, permettendo alla compressa di passare attraverso il sistema non digerito.